iure sanguinis

Cittadinanza iure sanguinis? Dieci anni in lista d’attesa presso i Consolati italiani in Brasile

Posted Pubblicato in Cittadinanza/Apolidia, Giustizia, Immigrazione

Il sottotitolo potrebbe essere: “Del Belpaese, delle sue inefficienze e di chi le paga”, perchè parliamo di nuovo di cittadinanza, questa volta per discendenza. Il discendente di cittadino italiano è a sua volta cittadino italiano (se l’avo non si ha ottenuto la naturalizzazione in altro stato e se non c’è interruzione nella trasmissione della cittadinanza […]

ex cittadini sovietici

Ex cittadini sovietici. Sentenza di riconoscimento dello status di apolide

Posted Pubblicato in Cittadinanza/Apolidia, Immigrazione

  Secondo l’UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees – Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) nonostante l’apolidia sia stata oggetto di svariati accordi internazionali – la Convenzione internazionale per la riduzione dell’apolidia ha compiuto 50 anni nel 2011 – ancora oggi circa 12 milioni di persone nel mondo sono di fatto apolidi, […]

ex cittadini albanesi

Apolidia. Riconoscimento dello status di apolide per ex cittadini albanesi: sentenza del Tribunale di Roma

Posted Pubblicato in Cittadinanza/Apolidia, Immigrazione

  Il Tribunale di Roma, con sentenza n. 1926/2015, ha dichiarato lo status di apolide dei componenti di una famiglia di ex cittadini albanesi da tempo residenti in Italia che, in occasione del rinnovo del passaporto biometrico – nel 2012 – hanno “scoperto” di non essere piu’ cittadini albanesi. Per comprendere la vicenda e’ necessario un […]

cittadinanza italiana

Cittadinanza italiana. Cosa fare quando i tempi si allungano

Posted Pubblicato in Cittadinanza/Apolidia

 I tempi di conclusione dei procedimenti di concessione della cittadinanza italiana sono – notoriamente – biblici: in media occorre aspettare 5 anni dalla data di presentazione della domanda. Si tratta di ritardi cronici della pubblica amministrazione, immotivati nella sostanza e fondamentalmente frutto di mala organizzazione a volte estesa anche alla fase della presentazione delle domande, nel […]

apolidia

Apolidia. Un approfondimento giuridico

Posted Pubblicato in Cittadinanza/Apolidia, Immigrazione

“Secondo il diritto internazionale è apolide una persona che nessuno Stato considera come suo cittadino in applicazione della legislazione (art. 1, Convenzione del 1954 relativa allo Statuto degli apolidi). L’art. 1 della citata Convenzione assicura la protezione agli apolidi secondo il principio enunciato dall’art. 15 della Dichiarazione dei diritti dell’uomo del 1948 che garantisce a […]

spending review anziani

L’Italia non è un paese per vecchi. A far le spese della spending review sono (anche) gli anziani

Posted Pubblicato in Salute e RSA

L’Italia è un Paese demograficamente vecchio, nel quale aumenta progressivamente la richiesta di prestazioni sociosanitarie residenziali per le persone ultrasessantacinquenni non più assistibili presso il proprio domicilio. Il tema investe delicati profili di interesse sociale, politico, economico e legislativo poiché si tratta di servizi costosi (una media di euro 110,00 al giorno) ed è stato, […]

Class action. Perche’ Confindustria sbaglia

Posted Pubblicato in Class action, Consumatori

Intervista a Emmanuela Bertucci, avvocato e collaboratrice dell’associazione dei consumatori Aduc, sulla recente proposta di legge in materia di class action «Tra tutte le proposte di riforma presentate alle Camere, preferivo quella del deputato del Movimento 5 Stelle, Alfonso Bonafede. Tuttavia, benché il testo di questa legge sia stato modificato per unificarlo a quello di […]

Cosa fare dopo aver ottenuto il riconoscimento dello status di apolide

Posted Pubblicato in Cittadinanza/Apolidia, Immigrazione

Ci siamo piu’ volte occupati del riconoscimento dello status di apolide,  evidenziando i problemi che l’assenza di norme specifiche sulle modalita’ e procedure per il riconoscimento hanno causato. Parimenti, non sono disciplinati in maniera organica gli adempimenti successivi al riconoscimento giudiziale o amministrativo dello status di apolide. In questo articolo cerchiamo di mettere un po’ […]

Come ottenere il riconoscimento dello status di apolide

Posted Pubblicato in Cittadinanza/Apolidia, Immigrazione

La legge italiana tutela gli apolidi, riconoscendo loro gli stessi diritti attribuiti ai rifugiati politici (documenti di identita’, permesso di soggiorno, lavoro, assistenza sanitaria, previdenza sociale, possibilita’ di chiedere la cittadinanza italiana dopo 5 anni, ecc.). Per contro, ottenere il riconoscimento dello status di apolide e’ tutt’altro che semplice poiche’ regna la piu’ assoluta incertezza […]

Volkswagen

Volkswagen, risarcimento danni e informazione. Ma quale class action mondiale…

Posted Pubblicato in Class action, Consumatori, Giustizia

Si fa un gran parlare in questi giorni della scandalo Volkswagen e delle class action nazionali, continentali e addirittura planetarie, pronte ai blocchi di partenza se non gia’ iniziate (circa 80 class action gia’ partite…. class action in 22 Paesi… ecc. ecc., class action europea… sia chiaro, la class action europea NON esiste). Piu’ che […]

azione di classe

Azione di classe. E’ la volta buona?

Posted Pubblicato in Class action, Giustizia

Abbiamo diffidato dell’azione di classe sin dalla sua introduzione ritenendo che fosse un’arma spuntata, uno specchietto per allodole – piu’ che altro – per dar l’idea di aver introdotto l’azione di classe senza farlo davvero, senza che potesse avere una reale efficacia, un impatto favorevole e concreto sullo squilibrato rapporto fra consumatore e aziende. Da allora […]

rette RSA

Rette RSA. Corte d’Appello Firenze: l’impegno al pagamento firmato dai parenti non è un contratto autonomo

Posted Pubblicato in Salute e RSA

Rette RSA. La Corte d’Appello di Firenze, con la sentenza n. 207 del 3 febbraio 2015 pone un altro importante punto fermo sulla annosa questione dei rapporto fra le RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali), i degenti e i parenti cui viene fatto sottoscrivere un impegno al pagamento delle rette RSA: non ci si muove nell’ambito di […]

Giustizia? Per i ricchi! Gli aumenti del contributo unificato e la nuova funzione sanzionatoria

Posted Pubblicato in Consumatori, Giustizia

Aumenta nuovamente il contributo unificato e assistiamo ormai da anni ad una graduale “riforma” della giustizia che passa dalle (e pesca nelle) tasche degli italiani. Il modo migliore che il legislatore italiano e’ riuscito a trovare per decongestionare i tribunali e’ inibirne l’accesso, rendere antieconomico il processo e – dunque – negare ai cittadini l’accesso […]

mediazione

La nuova mediazione obbligatoria. Come decongestionare il sistema giustizia aumentando i costi per i cittadini

Posted Pubblicato in Consumatori, Giustizia

Il decreto legislativo n. 28 del 4 marzo 2010 disciplina la mediazione delle controversie, detta i criteri di abilitazione degli organismi conciliatori pubblici e privati, lo svolgimento della mediazione, le conseguenze giuridiche e i rapporti con i processi giurisdizionali. Al di la’ dei diversi aspetti tecnici del decreto, una delle circostanze di maggior interesse per […]

azione giudiziaria collettiva

Non chiamatela class action. L’azione giudiziaria collettiva: istruzioni per l’uso

Posted Pubblicato in Class action, Consumatori

  Cos’è l’azione giudiziaria collettiva? Con la finanziaria 2008 e’ stata introdotta una nuova azione giudiziaria collettiva, chiamata a nostro avviso impropriamente “class action”, perche’ delle class action ha decisamente poco. La normativa non e’ mai entrata in vigore nella formulazione originaria; solo la successiva modifica della norma che ne conteneva la disciplina -l’art. 140 […]

Crocifisso nelle scuole. Quello che la sentenza di Strasburgo NON dice

Posted Pubblicato in Giustizia

Sia ben chiaro, nessuno ha chiesto all’Italia di togliere il crocifisso nelle scuole. La sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) non attacca la religione cattolica, non impone all’Italia di togliere il crocefisso dalle aule scolastiche, non nega identita’ culturale e storia all’Italia, ne’ snatura l’identita’ cristiana dell’Europa. La Corte prende “solo” atto della discrasia […]